la prima forma di libertà è quella del pensiero

Archivio per giugno, 2010

CINESTATE LAICA

20 giugno 2010

locandina_web1

A TARANTO UN TAVOLO INFORMATIVO PER COMBATTERE LA DISINFORMAZIONE

15 giugno 2010

Grande successo per il tavolo informativo organizzato dal circolo UAAR di Taranto (la cui presentazione si può leggere nel post precedente).

La cittadinanza ha mostrato molto interesse per i temi trattati avvicinandosi al tavolo, anche senza nessuna sollecitazione dei volontari che hanno gestito l’iniziativa, ponendo diverse e specifiche domande sui vari argomenti trattati.

L’attenzione verso i temi dell’8 per mille, del testamento biologico, delle sale del commiato e sulle unioni civili, compresa la raccolta firme inerente gli ultimi 3, è stata superiore alle aspettative, tanto che in alcuni momenti è diventato problematico gestire la ressa che si è creata vicino ai fogli delle firme: infatti sono state superate settanta firme, per ognuno degli argomenti, in poco più di 4 ore.

Tutto questo dimostra come detti argomenti risvegliano l’interesse della gente quando se ne parla, a riprova che gli organi di informazione scientemente evitano di trattare determinati argomenti sconvenienti al potere religioso.

Il successo della manifestazione è per noi un incentivo a proseguire il contatto diretto con la gente, soprattutto per colmare il vuoto di informazione che aleggia su certi argomenti poco graditi a chi ha interesse a mantenere una coltre di silenzio, interrotta solo da qualche sporadico flash di stampa che serve più che altro a disinformare, perchè solo in questo modo si riesce ad allontanare la gente dagli argomenti che ci coinvolgono tutti e direttamente.

La nostra è una battaglia civile nel pieno rispetto dell’art. 21 della Costituzione sulla libertà di pensiero, ma non ci può essere nessuna libertà se non vi è preventiva informazione.

Ed ecco alcune immagini della manifestazione

CAMPAGNA INFORMATIVA DEL CIRCOLO UAAR DI TARANTO

9 giugno 2010

Il circolo UAAR di Taranto allestirà un tavolo informativo in piazza della Vittoria (lato via d’Aquino) il 12 Giugno, dalle 17.00 alle 22.00 per affrontare i temi dell’8 per mille, del testamento biologico, sale del commiato e sulle unioni civili.

L’UAAR, da sempre attenta sul fronte della laicità, intende in questo modo informare la cittadinanza su temi tanto importanti quanto sconosciuti, e quasi sempre ignorati dai media tradizionali. Sarà disponibile presso la postazione del materiale informativo, unitamente a dei moduli su cui gli interessati potranno firmare per sostenere attivamente le battaglie dell’associazione.

L’associazione laica si batterà per portare a conoscenza aspetti poco noti dell’8×1000: destinazione ed uso da parte delle confessioni religiose, uso da parte dello Stato, ripartizione delle quote espresse ed inespresse, scelte alternative.

Altro tema attualissimo sarà quello del testamento biologico. Con la raccolta delle firme si chiederà che sia rispettato e garantito il diritto all’autodeterminazione di ciascuno e di rendere finalmente legali pratiche di fine-vita spesso attuate facendo ricorso a soluzioni di eutanasia clandestina o a costose trasferte nei paesi in cui queste sono permesse. La necessità di colmare questo vulnus legislativo si ripropone puntualmente come ci ricordano i tragici casi di Elena Moroni, Eluana Englaro, Giovanni Nuvoli, Piergiorgio Welby e Terri Schiavo.

Ancora in linea con il tema dell’autodeterminazione è la battaglia per la sala del commiato laica. Le firme serviranno a sostenere la necessità di individuare un luogo dignitoso dove sia possibile celebrare un rito funebre senza riferimenti religiosi (ma anche a disposizione di chi appartiene ad altre confessioni religiose). Il funerale laico è, in questo senso, l’unica scelta coerente per chi in vita è stato ateo, agnostico o comunque non religioso.

Infine la campagna sulle unioni civili, un tema che esiste da sempre ma che in Italia si preferisce non affrontare mai.

Al riguardo informeremo che con la legge 142/90, sulle autonomie locali i comuni possono istituire un registro per le unioni civili e infatti diversi comuni lo hanno già fatto.

Il presidio informativo sarà organizzato anche con il supporto di simpatizzanti non aderenti all’associazione. Tutti gli interessati sono invitati a presenziare all’evento.

Giovanni Gentile

coordinatore circolo UAAR di Taranto